Nell’Ue cambiano i pagamenti online!

online_shopPer gli acquisti online dal 14 settembre in tutta Europa per garantire i clienti sarà obbligatoria l’autenticazione di due dei tre fattori: password, strumento o impronta digitale.

Al fine di evitare furti bancari, frodi e altri elementi di rischio per i consumatori meno prudenti, il 14 settembre entrerà in vigore in tutta Europa la direttiva PSD2 che obbliga a usare l’autenticazione in due fattori per i pagamenti online.

Dovrà essere applicata in tutti i mercati dell’eurozona la Strong Customer Authentication (SCA) prevista dalla direttiva PSD2 (Payment Services Directive) dell’11 dicembre 2017, che i Paesi dell’Unione europea hanno già recepito attraverso la loro legislazione.

I pagamenti saranno autenticati mediante almeno due dei seguenti tre elementi: informazioni note solo al cliente (ad esempio password o domanda di sicurezza), oggetti posseduti solo dal cliente (per esempio lo smartphone), caratteristiche fisiche che possiede solo il cliente (impronta digitale o riconoscimento facciale).

Da settembre tutti coloro che intendono fare acquisti online dovranno forzatamente adeguarsi, attivando le soluzioni già proposte da servizi come PayPal, Amazon e Google.

Per i consumatori la diretta conseguenza è che ci sarà un rapido aumento nell’uso dei sistemi di riconoscimento biometrico, peraltro già presenti su moltissimi smartphone e PC in circolazione.

Il problema semmai è dalla parte dei commercianti, tutt’altro che pronti ad accogliere l’iniziativa. Un recente sondaggio condotto da Mastercard indica che solo il 25% dei commercianti online in Europa è a conoscenza delle proprie responsabilità SCA.