Nel 2023 record per il settore alberghiero svizzero

Il settore alberghiero svizzero nel 2023 ha ampiamente superato la soglia dei 40 milioni di pernottamenti (41,8 mio.), un livello mai raggiunto prima. Si tratta di un aumento del 9,2% (+3,5 mio.) rispetto al 2022. Sono i dati definitivi rilevati dall'Ufficio federale di statistica (UST). (Designed by Freepik)

Nel 2023 il settore alberghiero svizzero ha ampiamente superato la soglia dei 40 milioni di pernottamenti (41,8 mio.), un livello mai raggiunto prima. Si tratta di un aumento del 9,2% (+3,5 mio.) rispetto al 2022.

Con un totale di 20,8 milioni di pernottamenti, la domanda indigena è rimasta a un livello molto elevato, sebbene abbia registrato un leggero calo dell’1,1% (-224 000).

Per quanto riguarda invece la domanda estera, con 20,9 milioni di unità si è registrato un aumento del 21,8% (+3,7 mio.) avvicinandosi così al livello record del 2019.

Tutte le regioni turistiche della Svizzera, ad eccezione dei Grigioni e del Ticino, hanno registrato un aumento dei pernottamenti rispetto al 2022. La regione di Zurigo ha registrato l’aumento maggiore (+1,0 mio.; +17,2%), seguita dalla regione di Berna (+742 000; +14,1%) e da quella di Ginevra (+588 000; +19,8%).

Anche la regione di Lucerna e del Lago dei Quattro Cantoni, quella del Vallese e quella del Vaud hanno segnato un netto incremento del numero di visitatori. Delle tredici regioni turistiche, sette hanno registrato il record di pernottamenti degli ultimi 30 anni, tra queste figurano la regione di Zurigo, quella di Berna e quella di Lucerna e del Lago dei Quattro Cantoni.