Lettera all’ex contadina, oggi ministra, Teresa Bellanova!

bellanovaAttacchi e insulti sui social per Teresa Bellanova. Il ministro dell'Agricoltura, nel giorno del debutto al governo e nei giorni successivi, è stata bersaglio di critiche e ironia sia per il look scelto per il giuramento al Quirinale, sia perché Bellanova, da bracciante e sindacalista, come titolo di studio ha la terza media. ItaloBlogger le indirizza questa lettera. Se siete d’accordo, condividete… condividete…

Cara Teresa, hai lavorato nelle campagne quando eri una ragazzina, ti sei sporcata le mani di terra, hai faticato tanto. Come tante donne ex contadine come te emigrate negli anni Sessanta al Nord e in Europa, sai cosa significa spaccarsi la schiena per mettere il pane a tavola, sai pure che vuol dire faticare per rimediare una paga da fame.

Hai fatto tanta politica. Oggi sei diventata ministro. La gente ti critica perché sei grassa, perché non ti sai vestire e perché non hai studiato. Non restarci male, cara Teresa, perché nessuno può essere giudicato per il suo aspetto o perché ha i capelli in un certo modo e le scarpe così e la maglietta colà.

E comunque insultare gli altri, offenderli e prenderli in giro, non è mai un merito. Chi lo fa non si rende conto di quanto scende in basso.

Cara Teresa, quando ti insultano perché non hai studiato, non te la prendere, sii fiera di te e di quello che realizzerai in futuro. Ci sono tante persone che hanno fatto cose straordinarie e non avevano una laurea: Eugenio Montale, Steve Jobs, Walt Disney, Henry Ford, Richard Branson, Michele Ferrero, Ralph Lauren, Ingvar Kamprad e tanti, tanti altri.

Buon lavoro, Teresa. Lascia stare le chiacchiere di chi è invidioso e vorrebbe essere al posto tuo. Gli emigrati tutti ti salutano.

Redazione di italoBlogger