In Europa solo l’on. Schirò resiste a Renzi!

angela_schiroDopo la senatrice Laura Garavini ha aderito al nuovo partito di Matteo Renzi “Italia Viva” anche l’onorevole Massimo Ungaro. Ha resistito solo la tedesca Angela Schirò (nella foto).

Colpo duro per il Partito democratico all’estero. Matteo Renzi con il suo nuovo partito ha fatto incetta di parlamentari. Complessivamente dei sette parlamentari Pd eletti all’estero (5 deputati e 2 senatori) ne restano 4 (3 deputati e 1 senatore).

E’ il collegio Europa dove la botta è ancora più pesante: dei tre parlamentari due sono passati alla nascente formazione politica di Matteo Renzi “Italia Viva”.

La prima ad abbracciare il renzismo è stata la senatrice residente in Germania Laura Garavini. In parlamento dal 2008, ha maturato una importante esperienza prima alla Camera dei Deputati e ora al Senato, che le ha permesso di assumere l’incarico di Capo gruppo di “Italia Viva” al Senato.

L’altro parlamentare ad aderire al raggruppamento renziano è l’onorevole Massimo Ungaro, eletto in Europa nel 2018, risiede a Londra da alcuni anni. Il deputato extraeuropeo a lasciare il Pd per entrare in “Italia Viva” è onorevole Nicola Carè, eletto nel collegio Africa-Asia-Oceania-Antartide.

In Europa nel Pd rimane solo la giovane neo-deputata Angela Schirò, residente in Germania. Un colpo duro per il Partito democratico in un collegio dove è primo partito con il 31,68: quasi 200 mila voti alla Camera e poco meno al Senato.

Con la riduzione di un terzo del numero dei parlamentari, all’estero i deputati e i senatori passeranno da 18 a 12. Alle prossime elezioni, se la riforma costituzionale entrerà in vigore, la battaglia per conquistare un seggio a Roma sarà all’ultimo sangue.