Emma – Il colore nascosto delle cose

Film EmmaOggi celebriamo l’uscita del nuovo film di Silvio Soldini “Il colore nascosto delle cose” nei cinema svizzeri tedeschi.

Con il suo nuovo capolavoro “Il colore nascosto delle cose”, Soldini è ritornato al cinema con un lungometraggio di finzione dopo “Il comandante e la cicogna” e ha creato un film che unisce una storia d’amore e la disabilità e che narra la storia di un incontro tra due persone completamente diverse.
Una donna e un uomo, un vedente e una non vedente, un amore che potrebbe sembrare impossibile a prima vista, dato che Teo (Ardiano Giannini) è un uomo in fuga, sempre pronto a fuggire sia dalla famiglia che dai letti di donne in cui passa molte notti, ma fugge prima che il sole sorge.
Per Teo l’unico vero amore è il suo lavoro come creativo pubblicitario e come tale e legatissimo al cellulare e al tablet che non spegne mai. Emma (Valeria Golino) invece ha perso la vista a sedici anni, ma ha accolto il suo destino con grande forza e consapevolezza. Ogni giorno per lei è una battaglia ma fa l’osteopata e gira per la città autonoma e decisa con il suo bastone bianco.

La storia tra loro due prenderà una curiosa piega dopo il dialogo al buio in cui Emma e Teo sentono la voce dell’altro per la prima volta, e da lì, qualcosa in loro cambia radicalmente ed iniziano così a mettersi in discussione.
La sceneggiatura di Soldini, Davide Lantieri e Doriana Leondeff, propone un film con un crescendo romantico che non si allontana mai dai cliché. Ma grazie all’interpretazione di Valeria Golino riesce a diffondere al suo personaggio Emma dolcezza, serenità e spessore.
La grandiosità di questo film è dovuta al vedere e non vedere la terra, e a sviluppare la capacità di capire ed immaginare il mondo da un punto di vista totalmente diverso da quello da un vedente. Con lo schermo nero e le voci over, Silvio Soldini invita lo spettatore in quella stanza buia per abituarlo alla cecità di Emma, quella cecità che il cineasta ha già “studiato” nel documentario “Per altri occhi”.

“Il colore nascosto delle cose” parte da quell’esperienza, dalla realtà, che diventa un film di finzione che oltre a narrare la vita di Emma analizza i loro sentimenti con dolcezza, simpatia e una porzione di scettico realismo. E’ un film che non esagera, ma che infonde tocchi drammatici senza usufruire di dialoghi eccessivi né di corposi monologhi. È un film semplice e leggero con toni controllati e calmi che piacerà di sicuro a chi è alla ricerca di un film coerente e a chi ama le storie d’amore ammirevoli.

Il colore nascosto delle cose
[id., Italia/Francia/Svizzera 2017] Regia di Silvio Soldini
Cast Valeria Golino, Adriano Giannini,
Arianna Scommega, Laura Adriani, Anna Ferzetti.
Sceneggiatura Dorina Leondeff, Davide Lantieri, Silvio Soldini.
Drammatico, durata 115 minuti