Anche a Neuchâtel diritto di voto a 16 anni?

voto_giovaniIl 9 febbraio elettori ed elettrici del cantone di Neuchâtel votano per concedere il diritto di voto ai sedicenni. E’ una iniziativa sostenuta sia dal governo sia dalla maggioranza del parlamento. In Svizzera finora il voto ai sedicenni solo a Glarona. Il voto a 16 anni è legge in tanti paesi del mondo.

Come portare i giovani ad interessarli alla politica e all’amministrazione della cosa pubblica? Abbassando il diritto di voto a 16 anni. La pensano così le forze politiche del cantone di Neuchâtel.

Il 9 febbraio l’elettorato è chiamato alle urne per concedere o meno il diritto di voto ed eleggibilità ai 16enni e ai 17enni. La proposta del Partito socialista pare abbia buone probabilità di riuscita.

L’iniziativa è sostenuta sia dal governo sia dalla maggioranza del parlamento: Partito socialista, Verdi e Verdi liberali. Contrari i partiti di destra: Partito liberale radicale (PLR.I Liberali) e l’Unione democratica di centro (UDC).

In Svizzera per il momento i sedicenni possono votare solo nel cantone di Glarona, però unicamente su questioni comunali e cantonali. A livello nazionale la soglia per il diritto di voto e di eleggibilità è di 18 anni.

Il voto a 16 anni è all’ordine del giorno anche nei cantoni di Ginevra, Vaud, Zurigo, Vallese e Uri, Così anche a livello nazionale.

In Europa è legge già in Austria (primo paese europeo), Grecia (diciassette anni), Malta e Ungheria (solo se sposati). In Germania e Norvegia possono votare in diverse regioni locali. Mentre nel resto del mondo il diritto al voto è esteso ai sedicenni in Argentina, Brasile, Nicaragua, Cuba ed Ecuador.  Dai 17 anni si può votare in Indonesia, Corea del Nord, Timor Est, Etiopia e Sudan.